Giardino di Boboli

Museo Statale

Indirizzo: Piazza Pitti, 1 Firenze
Il giardino ha quattro ingressi fruibili dal pubblico: dal cortile dell'Ammannati di Palazzo Pitti, dal Forte di Belvedere, da via Romana (l'ingresso di Annalena) e dal piazzale di Porta Romana, oltre a un'uscita "extra" su piazza Pitti.

Orario: da lunedì a domenica, con orario diverso a seconda del mese.
Aprile/Maggio/Settembre/Ottobre: ore 8,15 - 18,30
Giugno/Luglio/Agosto: ore 8,15 - 19,30
Novembre/Dicembre/Gennaio/Febbraio: ore 8,15 - 16,30
Marzo: ore 8,15 - 17,30
Chiusura: il primo e l'ultimo lunedì di ogni mese,  Capodanno, 1° maggio, Natale.
L'ultimo ingresso è sempre un'ora prima della chiusura.

Biglietto cumulativo: €7,00 (in caso di mostre €10,00)
Il biglietto consente l'ingresso ai musei di Palazzo Pitti (Museo degli Argenti, Museo delle Porcellane, Galleria del Costume), al Giardino di Boboli e al Giardino Bardini. (stessi orari di apertura).
L'accesso al Giardino di Boboli per i residenti del Comune di Firenze è libero, è necessario esibire un documento d'identità.

Informazioni e prenotazioni: Sito web: http://www.polomuseale.firenze.it/musei/boboli
Prenotazioni per la visita: Firenze Musei, Tel: 055 294883 (Costo della prenotazione: € 3,00)

Descrizione Giardino di Boboli

Il giardino, che accoglie ogni anno oltre 800.000 visitatori, è uno dei più importanti esempi di giardino all'italiana al mondo ed è un vero e proprio museo all'aperto, per l'impostazione architettonico-paesaggistica e per la collezione di sculture, che vanno dalle antichità romane al XIX secolo.

I giardini dietro Palazzo Pitti, residenza dapprima dei Medici, poi dei Lorena e dei Savoia, furono costruiti tra il XV e il XIX secolo e occupano un'area di circa 45.000 metri quadri. Alla prima impostazione di stile rinascimentale, visibile nel nucleo più vicino al palazzo, si aggiunsero negli anni nuove porzioni con differenti impostazioni: lungo l'asse parallelo al palazzo nacquero l'asse prospettico del viottolone, dal quale si dipanano vialetti ricoperti di ghiaia che portano a laghetti, fontane, ninfei, tempietti e grotte. Notevole è l'importanza che nel giardino assumono le statue e gli edifici, come la settecentesca Kaffeehaus (raro esempio di gusto rococò), che permette di godere del panorama sulla città, o la Limonaia, ancora nell'originario color verde Lorena.

Giardino di Boboli, http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Giardino_di_Boboli&oldid=21700655 (in data 28 febbraio 2009).

 

Mappa